incidetele a lettere di scatola, i miei lettori testamentari ( e parlo ai miei scolari,

gli ipocriti miei figli, i filoproletari che tanto mi assomigliano, innumerevoli,

ormai, come i grani di sabbia del vacuo mio deserto), queste parole mie, sopra

                                                                                                              [ la tomba

mia, con la saliva, intingendovi un dito nella bocca: (come io lo intingo, adesso,

tra gli eccessivi ascessi delle algide mie gengive):

                                                                                me la sono goduta, io, la mia

                                                                                                                       [ vita:

 

 

                                           E. Sanguineti, da Il gatto lupesco

 

spilla (2010): argento, stoffa, vario